La mia foto
Firenze, Italy
agartproject@gmail.com

lunedì 13 giugno 2011

ammaliati dalla Luna

lente nuvole scivolano a scoprire il tuo corpo,
una silhouette di luce si staglia nel buio infinito,
indefiniti veli tinti di chiaroscuro ti sfiorano.
Ammaliante immagine che fa ululare i lupi,
imploranti animali ti invocano guardando il cielo.
Col capo chino ti venero, mia unica Dea,
il tuo volto è indefinito.
Accarezzo le tue forme,
i tuoi occhi neri seguono la mia ombra.
Notti assassine mi attendono.
Veglia ancora sul mio sangue.

5 commenti:

  1. ...luce che accarezza i sogni più segreti, nascosti nelle pieghe dell'anima...

    dolce sera a te...

    RispondiElimina
  2. che la notte addolcisca il giorno

    RispondiElimina
  3. ...per farti un saluto e augurarti una dolce giornata!!!

    RispondiElimina
  4. E poi c'è l'alba dispettosa.

    RispondiElimina