La mia foto
Firenze, Italy
agartproject@gmail.com

lunedì 29 ottobre 2012

l'ultimo atto

resta nascosta sotto le coperte,
tocca scrivere di notte,
col tepore della candela che ti avvolge.
La fiamma sempre viva, ma non troppo:
per non soffocare,
per non dar fuoco alle lenzuola.
Se il terrore sopraggiunge spegni il fuoco,
ripiega i fogli e torna a dormire assorta.
Io mi nascosi bene, quando mi trovò:
mi cavò gli occhi e mi mozzò una mano.
Un altro dei suoi capricci,
palesava fierezza,
l'ultimo atto della sua commedia.

6 commenti:

  1. Mi hai ricordato "La ballata dell'amore cieco", una canzone che ho amato, ed amo, tantissimo.

    http://www.youtube.com/watch?v=hEsMZfYGqIM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tralalalalla tralallalero...una canzone che non muore...

      Elimina
  2. Mi piace quello che scrivi e come lo scrivi. Più che uno bianco in questo blog ci starebbe bene uno sfondo rosso cupo, non troppo rosso, non troppo cupo...
    Buona serata

    RispondiElimina
  3. Grazie Fatima...uno sfondo rosso cupo, non troppo rosso, non troppo cupo...buona serata

    RispondiElimina
  4. questa mi piace anche di più. Sei elegante e mi trascini dentro la tua immagine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. onorato della tua attenzione fanciulla.

      Elimina