La mia foto
Firenze, Italy
agartproject@gmail.com

venerdì 9 novembre 2012

quando eravamo giovani

sudore  secco, sotto il sole rovente.
Vestiti sporchi, 
sapore di polvere in gola,
urla e pensieri cattivi.
E calci ad un pallone,
miseria e nessuna speranza.
Giorni randagi,
trascorsi cercando di levarsi di dosso
il puzzo della sconfitta.
Tra madri pensierose,
padri arrabbiati,
e nessuna donna
a consolare i nostri giorni.

8 commenti:

  1. Anche acqua fresca dentro un mestolo di rame.
    Qualche bugia da raccontare per sentirsi in gamba.
    E una marea di sorrisi complici di bambini-fratelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e segreti indicibili anche a se stessi...

      Elimina
  2. Ma al contrario ci sono stati giorni di gioventù composte, pudicamente educate, piegate o brutalmente raddrizzate. Giorni incatenati, giorni ricattati, in attesa che le speranze trovassero un giorno compimento. Ancora, dopo anni, ci ritroviamo ad attendere, ma la gioventù non ci ha aspettato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'era moderna ci ha imbruttiti, per questo quella gioventù non tornerà...

      Elimina
  3. Sembra più un "quando eravamo piccoli" ...
    Quando eravamo piccoli non puzzavamo di sudore, ma di frenesia ludica, e di campi di granoturco dove ci si nascondeva, e chi ti trovava più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le chewingum a palline dentro la boccia.
      Perchè una cosa va detta:
      anche se i telefilm erano in bianco e nero
      c?era sempre una cosa a colori,
      la boccia delle chewingum.
      (da Cinnamon - Offlaga Disco Pax)

      Elimina
  4. Molto maschile ma... funziona, mi sono sentita in un campetto da calcio di periferia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il posto giusto dove prendersi la rivincita.
      Dolce sera Giorgia

      Elimina